In offerta!

Rungia Klossii – Erba fungo

Rungia klossii, anche detta “erba fungo”, è una varietà endemica della Papua Nuova Guinea, dove è la verdura più ricercata e conosciuta. Importante fonte di proteine, ferro e calcio, le foglie croccanti e succulente sono ottime anche per il loro aroma che ricorda proprio il gusto dei funghi.

L’immagine del prodotto è puramente indicativa e ha lo scopo di rappresentare il prodotto.

DESCRIZIONE

h. 20/30 cm  (escluso vaso)
Vaso Ø 14 cm

  • Pianta = € 9,50  ESAURITE
  • Piante = €. 28,50 € 25,50  ESAURITE
  • Piante = €. 57,00 € 45,50  ESAURITE

OTTIMIZZA LE SPESE DI SPEDIZIONE

Compra quante piante vuoi e il costo di spedizione è sempre 10€

Svuota

Descrizione

Rungia Klossii – Erba fungo

La pianta aromatica di Rungia Klossii è una perenne che appartiene alla famiglia delle Acanthaceae ed è originaria della Papua Nuova Guinea. Le foglie hanno un sapore leggero di funghi, dal colore verde scuro, hanno forma ovale, con spessore leggermente increspato. Produce fiori blu di primavera. Ricca di proteine, calcio, ferro e vitamina C. Foglie e steli vengono consumati crudi in insalata o cotti come verdura. Si consiglia di usarla per insaporire carni bianche, crostacei o minestre a cui dona un ottimo aroma, il calore, infatti, ne esalta il sapore

Utilizzo e curiosità

La Rungia klossii ha varie doti: il colore del fogliame, di un bel verde brillante, il portamento ordinato e compatto, la fioritura di un bellissimo blu violetto e non ultimo il sapore delle foglie che ricorda molto quello del fungo prataiolo.

Le foglie dell’“erba fungo” sono ideali da consumare crude in insalata o con il pane, il fogliame può essere anche stufato e utilizzato per tutto l’arco dell’anno come una specie di spinacio o ulteriormente per aromatizzare le pietanze con il suo particolare aroma.

Consigliato l’utilizzo per insaporire carni bianche, crostacei o minestre a cui dona un ottimo aroma, il calore, infatti, ne esalta il sapore! La cosa ideale è aggiungere le foglie a fine cottura per mantenerne il colorito e le proprietà nutritive. La raccolta deve avvenire prelevando, come per il basilico, gli apici delle ramificazioni in modo che la pianta produca nuovi getti laterali (non accorciare i rami a meno di 20 cm dalla base).

————-

Per approfondimenti: Wikipedia

Minimum 4 characters
0
Tuo Carrello